Furlans dal Gurizan

Furlans dal Gurizan

Atacs ae scuele furlane tal 2013

Al inizi dal an scolastic 2013/2014 al è stât publicât un articul sul Messaggero Veneto dal titul “Genitori irritati per il friulano a scuola” dulà che un rapresentant dai gjenitôrs de scuele di Cormons al protestave parcè che e vignive dade la pussibilitât ai arlêfs che lu domandin di vâ une ore par setemane di insegnament in marilenghe tes scuelis dal oblic. Fasint un click culì e culì o podês cjatâ la rispueste de nestre associazion.

Il “Grande Friuli” no nus plâs

Confin fûr dal Friûl

O publichìn chi sot un test scrit tal 2012 dai nestri socis Sandri Pian e Michele Calligaris.

Il “Grande Friuli” no nus plâs, miôr chel di simpri.

Al è di un pôc di timp che sui gjornâi e tai discors di cualchi sorestant di chenti si sintin a nomenâ dôs peraulis gnovis: “Grande Friuli”.
Ce dal diaul isal po?
Une sorte di clon de “Grande Serbia”, ma raventât cualchi centenâr di miis plui a tramontan?
La robe no nase di bon, anzit, e puce di frait…e no pôc! …come chei che le doprin no par fâ i interès dal Friûl ma par fâi dam.
L’adietîf “Grande” al sburte une idee di Friûl e, soredut, di Popul furlan imperialist, cu la sclope a muse, pront a la concuiste; int che a cîr di paronâ in cjase di chei altris. I Furlans, di cualsisei lenghe, cun dut ce che a àn vût di gloti vie pai secui, no àn mai sporcjade la lôr bandiere di sanc ancje se, salacor, a àn scugnût lâ a “difendere la Patria” … di chei altris.
Noaltris o refudìn cheste definizion pal fat che il Friûl al è chel che la storie e à viodût a nassi, vâl a dî chel teritori individuât dai Langobarts come lôr prin Ducât e, di in chê volte, cognossût parie di ducj i popui dentri e fûr dai siei confins. I confins: cuâi sono chei dal Friûl? Chei dal Patriarcjât di Aquilee?
Se si va a cjalâ la storie, nissun nol po dineâ che a sedin chei dal flum Livence a bonât, dal Timâf a jevât e de creste da lis Alps fin jù te marine, che al cjapave dentri sei il stât patriarcjâl di Aquilee che une biele fete de Contee di Guriza (che altre e jere in Tirol).
Cualchidun al disarà “La Contea di Gorizia non era Friuli!”. A chescj, ur rispuindìn che, a volê cirî il pêl tal ûf, il Friûl cemût che lu vin descrit parsore vie e la citât stesse di Guriza a jerin spartîts, fin dal inprin, fra il Patriarcje di Aquilee e il Cont dal Friûl che, dome daspò, cemût che al sucêt daspès, a tacarin a clamâlu Cont di Guriza par vie che al veve il cjistiel in chê vile.
Passant lis pagjinis dai libris di storie o viodìn che, dilunc dai secui, Guriza e je simpri stade calcolade come une citât logade in Friûl (“Görz in Friaul” a disevin e a scrivevin i todescs e “Friauler von Görz” si declaravin i gurizans) e cussì e je stade fin cuant che no son rivâts i nazionalisims.

“Friûl” al è une definizion storiche e gjeografiche che no si à di confondile cun chê di “Furlanie”, che e je la part dal Friûl dulà che e ven fevelâde la lenghe furlane. Par esempli: Maran isal o no Friûl? Sigûr (Maran al difindè cui dincj la Patrie cuintri di Vignesie), ma nol è Furlanie. Cussì, juste par fâ cualchi non, ancje Tischlbong/Timau, Špietar/Sant Pieri dai Sclavons e ancje Monfalcon (che al veve une sente intal Parlament a Udin!). Ma o podaressin dî compagn ancje par Plodn/Sapade o Puart.

O pensìn che al sedi avonde clâr che il Friûl al è UN, ni grant e ni piçul. E al è chel che o vin dit parsore vie.
Stant che in tancj di lôr nus domandin ce che o pensìn a rivuart dal riordenament da lis Provinciis e dai Comuns de Regjon Friûl-V.J., o podìn dî che la nestre clape e je a pro dal rispiet dai confins dal Friûl storic e, ancjemò di plui, e je pal rispiet da lis diviersis gjernaziis che a son a stâ ca di simpri, cu lis lôr identitâts e sensibilitâts. Intal moment storic di cumò, che si sintin di ogni sorte, il nestri sium al è di rivâ, inte suaze obleade dal ordenament aministratîf dal Stât talian, a un model teritoriâl sul stamp dal Trentin-Süd Tirol, ven a stâi une Regjon un grum difarente rispiet a chê di cumò, cul Friûl storic cun dignitât di Regjon o se no altri di Provincie pardabon autonome e ancje policentriche par dentri, salacor fasint bati lis dimensions provinciâls cun chês da lis diocesis. Cui che al dîs che o sin “pro-Udin” nol nus à capît par nuie o, piês, al cîr di fânus passâ par alc che no sin.

In cjase di chei altris no metìn bec.

Defriulanizazion di Gurize – Gjavât dal DAF

Us ripuartìn chi sot la vôs “Defriulanizazion di Gurize“, gjavade dal DAF (Dizionari Autonomist Furlan) dât fûr dal Istitût Ladin – Furlan “Pre Checo Placerean” de Golaine di studis sul autonomisim.

Gjornâi gurizansDEFRIULANIZAZION DI GURIZE: Chest al è il titul di un contribût fondamentâl, critic e polemic, di Gianni Nazzi su une determinade operazion culturâl e mediatiche in vore di un biel pôcs di agns par defriulanizâ la Provincie di Gurize, che in cheste maniere e sarès plui facile di aneti ae Vignesie Julie.
Sparîts ducj i titui di gjornâi, rivistis e istituzions cul non dal Friûl o l’adietîf furlan in ûs fin tai prins agns vincj dal 1900 – L’Agricoltore friulano, La sentinella del Friuli, Il Friuli orientale, il corriere friulano…, Banca Friulana, Biblioteca popolare friulana, Partito popolare friulano, Società accademica friulana….- si è passâts a gurizan, julian e lisuntin, adietîf spes sostantivât, in ûs soredut dopo de seconde vuere mondiâl: il coltivatore isontino, L’Agricoltore isontino, Iniziativa isontina, Biblioteca statale isontina, Club enologico isontino….
Al è di spietâse aromai che cualchidun al proponi di eliminâ la peraule Friûl ancje dal non dai Comuns di Caprive e Marian , che in chest moment a son “del Friuli”.
Ta chest câs al è pardabon un meracul il fat che il gnûf auditorium di Gurize al sedi stât nomenât ae “cultura friulana”, ma i mass media locâi a fasin il pussibil par no nomenâlu scrivint invezi “auditorium di via Roma“, cussì come che a stan atents a no scrivi par intîr i nons dai doi comuns “dal Friûl”.

La defriulanizazion e devi jessi parude masse pesante ancje ae redazion di “Voce isontina”, orghin de Diocesi di Gurize, che di front aes protestis alçadis, par fin fra i catolics slovens, par la vie dal titul dal Auditorium ae culture furlane, e veve pensât di dovê intervignî il 1n di Març dal 1980 cuntun editoriâl intitulât “Non sparate alla storia”. Ve chi cualchi pas: “la più crassa ignoranza della storia goriziana ed isontina ha montato in questi giorni espressioni di meraviglia per la tabella dell’intitolazione dell’Auditorium alla cultura friulana come stabilito a suo tempo dalla Regione”. Daspò tantis rinunciis imponudis dal fassisim e des dolorosis vicendis dal daspò vuere, e varès vuê Gurize ancje “vergognâsi dal so passât in tante part furlan“? si domande il gjornâl. Si dismenteisi, al scrîf, che tal 1868 la citât e veve sedis mil abitants, dîs mil di lôr a jerin furlans. E dopo vê ricuardât dut ce che i furlans di Gurize a derin ae culture e ae civiltât dal Friûl, un patrimoni sapulît de retoriche nazionalistiche taliane, cancelât ancje de toponomastiche urbane, l’articul al siere cussì: “Ma che ai Friulani, per una volta, si dia a Gorizia un innocuo riconoscimento della loro cultura, che è una componente fondamentale della cultura della città e della provincia (…) trovi ancora qualcuno disposto ad una voce di protesta è madornale. Tanto più che non s’è mai protestato per l’abuso di retorica superata ne per altre solenni dimenticanze, ignoranze, per cancellazioni e ricostruzioni che denunciano ancor oggi un’incredibile violenza alla storia ed alla cultura, subita senza batter ciglio, senza mai tentare una parvenza di riparazione“.

Cunitri la defriulanizazion a reagjirin ancje trê predis: Guido Maghet, Silvano Piani e Pino Trevisan, che su “Voce Isontina” dai 5 di Zenâr dal 1985 a intervignirin par declarâ la furlanetât dal Premi Nobel Rubbia: “…crediamo utile riportare anche ciò che la mamma dello scienziato, la signora Beatrice, e non una volta, ha tentato di precisare: “Noi Rubbia siamo friulani” (“Oggi”, 1984, n. 44, p. 12, cfr. pure “Gioia” del 5 novembre 1984, p. 43 ecc.). Questa notizia l’avremmo gradita apprendere anche dalla stampa locale…”.
Cuintri cheste ande al veve reagjît, cu la solite maniere polemiche, ancje Gino di Caporiacco par contestâ a Francesco Salimbeni l’ûs fals dal adietîf giuliano tal volum “Storia lingua e società del Friuli” dal 1977.