Furlans dal Gurizan

Furlans dal Gurizan

Defriulanizazion di Gurize – Gjavât dal DAF

Us ripuartìn chi sot la vôs “Defriulanizazion di Gurize“, gjavade dal DAF (Dizionari Autonomist Furlan) dât fûr dal Istitût Ladin – Furlan “Pre Checo Placerean” de Golaine di studis sul autonomisim.

Gjornâi gurizansDEFRIULANIZAZION DI GURIZE: Chest al è il titul di un contribût fondamentâl, critic e polemic, di Gianni Nazzi su une determinade operazion culturâl e mediatiche in vore di un biel pôcs di agns par defriulanizâ la Provincie di Gurize, che in cheste maniere e sarès plui facile di aneti ae Vignesie Julie.
Sparîts ducj i titui di gjornâi, rivistis e istituzions cul non dal Friûl o l’adietîf furlan in ûs fin tai prins agns vincj dal 1900 – L’Agricoltore friulano, La sentinella del Friuli, Il Friuli orientale, il corriere friulano…, Banca Friulana, Biblioteca popolare friulana, Partito popolare friulano, Società accademica friulana….- si è passâts a gurizan, julian e lisuntin, adietîf spes sostantivât, in ûs soredut dopo de seconde vuere mondiâl: il coltivatore isontino, L’Agricoltore isontino, Iniziativa isontina, Biblioteca statale isontina, Club enologico isontino….
Al è di spietâse aromai che cualchidun al proponi di eliminâ la peraule Friûl ancje dal non dai Comuns di Caprive e Marian , che in chest moment a son “del Friuli”.
Ta chest câs al è pardabon un meracul il fat che il gnûf auditorium di Gurize al sedi stât nomenât ae “cultura friulana”, ma i mass media locâi a fasin il pussibil par no nomenâlu scrivint invezi “auditorium di via Roma“, cussì come che a stan atents a no scrivi par intîr i nons dai doi comuns “dal Friûl”.

La defriulanizazion e devi jessi parude masse pesante ancje ae redazion di “Voce isontina”, orghin de Diocesi di Gurize, che di front aes protestis alçadis, par fin fra i catolics slovens, par la vie dal titul dal Auditorium ae culture furlane, e veve pensât di dovê intervignî il 1n di Març dal 1980 cuntun editoriâl intitulât “Non sparate alla storia”. Ve chi cualchi pas: “la più crassa ignoranza della storia goriziana ed isontina ha montato in questi giorni espressioni di meraviglia per la tabella dell’intitolazione dell’Auditorium alla cultura friulana come stabilito a suo tempo dalla Regione”. Daspò tantis rinunciis imponudis dal fassisim e des dolorosis vicendis dal daspò vuere, e varès vuê Gurize ancje “vergognâsi dal so passât in tante part furlan“? si domande il gjornâl. Si dismenteisi, al scrîf, che tal 1868 la citât e veve sedis mil abitants, dîs mil di lôr a jerin furlans. E dopo vê ricuardât dut ce che i furlans di Gurize a derin ae culture e ae civiltât dal Friûl, un patrimoni sapulît de retoriche nazionalistiche taliane, cancelât ancje de toponomastiche urbane, l’articul al siere cussì: “Ma che ai Friulani, per una volta, si dia a Gorizia un innocuo riconoscimento della loro cultura, che è una componente fondamentale della cultura della città e della provincia (…) trovi ancora qualcuno disposto ad una voce di protesta è madornale. Tanto più che non s’è mai protestato per l’abuso di retorica superata ne per altre solenni dimenticanze, ignoranze, per cancellazioni e ricostruzioni che denunciano ancor oggi un’incredibile violenza alla storia ed alla cultura, subita senza batter ciglio, senza mai tentare una parvenza di riparazione“.

Cunitri la defriulanizazion a reagjirin ancje trê predis: Guido Maghet, Silvano Piani e Pino Trevisan, che su “Voce Isontina” dai 5 di Zenâr dal 1985 a intervignirin par declarâ la furlanetât dal Premi Nobel Rubbia: “…crediamo utile riportare anche ciò che la mamma dello scienziato, la signora Beatrice, e non una volta, ha tentato di precisare: “Noi Rubbia siamo friulani” (“Oggi”, 1984, n. 44, p. 12, cfr. pure “Gioia” del 5 novembre 1984, p. 43 ecc.). Questa notizia l’avremmo gradita apprendere anche dalla stampa locale…”.
Cuintri cheste ande al veve reagjît, cu la solite maniere polemiche, ancje Gino di Caporiacco par contestâ a Francesco Salimbeni l’ûs fals dal adietîf giuliano tal volum “Storia lingua e società del Friuli” dal 1977.

Interviste a Isa Dorigo su Telemare

Isa Dorigo, presidente de Associazion Furlans dal Gurizan, e presente la ativitât de clape fevelant dai problemis che e à la comunitât furlanofone tal Gurizan, cirint la paritât cun chê slovenofone.